freddo

APPELLO DEL WWF

Fa troppo freddo, bisogna sospendere la caccia

I repentini sbalzi di temperatura che nell’ultimo periodo hanno interessato la nostra Penisola stanno mettendo a serio repentaglio la sopravvivenza della fauna selvatica, già provata dalla normale scarsità di cibo della stagione invernale. Per questo, bisogna assolutamente intervenire affinché la stagione venatoria venga sospesa. L’accorato appello è stato lanciato dal WWF che, in una nota, ha ricordato come gli animali stiano patendo condizioni meteo eccezionali, caratterizzate da freddo intenso e improvviso, al quale negli ultimi giorni si sono aggiunte le nevicate anche a quote basse fino alle zone costiere.
«È provato da studi scientifici che in inverno e ancor più in periodi così particolari caratterizzati da forte freddo gli animali selvatici sono estremamente deboli – ha rimarcato l’associazione ambientalista –. Dovendo spendere le poche energie residue per nutrirsi la fauna selvatica difficilmente riesce a trovare anche la forza per fuggire dai cacciatori».

L’esempio virtuoso della Puglia e del Molise

Per questo motivo, le amministrazioni di Puglia e Molise hanno recentemente sospeso per alcuni giorni la caccia. Un esempio lodevole, che il WWF si augura possa essere esteso anche ad altre zone d’Italia.
«Le Regioni possono e devono modificare i calendari venatori proprio in previsione di una maggiore tutela degli animali selvatici che sono un patrimonio indisponibile dello Stato da tutelare nell’interesse della comunità nazionale e internazionale», ha concluso il WWF.

Infine, è bene ricordare che la legge 157/92, che tutela la fauna selvatica e disciplina le attività di caccia, prevede esplicitamente il divieto di cacciare su terreni in tutto o in parte coperti da neve – ad eccezione che nella zona alpina – e sugli specchi d’acqua ghiacciati.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
La riproduzione è consentita esclusivamente con la seguente citazione: Fonte rivistanatura.com

commenta

Binocoli Terra Zeiss